Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Il mestiere di architetto, una professione sempre più in crisi

"Siamo alle soglie della povertà". Questo il commento del presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Leopoldo Freyrie, a conferma di come la professione stia attraversando un momento di forte crisi. Già perché l’ indagine sullo stato della professione di architetto promossa dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori in collaborazione con il Cresme ha evidenziato quanto sia sempre più difficile svolgere questa attività.

Il reddito medio della professione si aggira attorno ai 17 mila euro anni, in cinque anni (tra il 2008 e il 2013) la perdita di guadagno è stata del 40% senza considerare che il 68% della categoria vanta crediti nei confronti delle aziende private, mentre il 32% verso la pubblica amministrazione. In media, i giorni necessari per ottenere un pagamento da parte della Pubblica Amministrazione sono arrivati, nel 2013, per gli architetti a oltre 217 (erano 129 nel 2010 e 90 nel 2006); per quelli da parte delle imprese si è passati dai 114 giorni del 2011 a 172 nel 2013; da 70 a 98 giorni per quanto riguarda le famiglie. Un problema, quello delle insolvenze dei pagamenti particolarmente grave soprattutto al Sud del Paese, mentre è fortemente critico, al nord, il rapporto con le banche: il 57% degli architetti ha, infatti, debiti con istituti di credito, società finanziarie o fornitori.

Come al solito quelli messi peggio sono i giovani che si iscrivono sempre in minor numero a un corso di laurea di architettura, (crollo delle immatricolazioni del 51% negli ultimi 5 anni), una flessione più evidente di quanto registrato per il complesso dei corsi di laurea (17%). Nel 2013, ad un anno dal conseguimento del titolo di laurea di secondo livello (magistrale o magistrale a ciclo unico), il tasso di disoccupazione è arrivato al 28,7% (era il 9,7% nel 2008), 5 punti percentuale in più rispetto all’anno passato. A cinque anni dal conseguimento del titolo di secondo livello, il reddito mensile netto di un giovane architetto (età media circa 32 anni) è di circa 1.200 euro.
 

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Ad culture: portale di informazione su architettura e design non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.