Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

A Milano il primo master universitario in Food Design

Il debutto del primo master universitario in Food Design è previsto a Milano proprio ad inizio Expo 2015, dedicato ai temi dell’agroalimentare, il prossimo marzo. Obiettivo del master: valorizzare le eccellenze della produzione enogastronomica, italiana e non, attraverso gli strumenti e le competenze tipiche del settore design, dalla progettazione alla comunicazione.

A organizzarlo ci hanno pensato la Scuola politecnica di Design e Iulm, storiche istituzioni milanesi dedicate alla formazione nei settori design e progettazione.

Il master, che si svolgerà in lingua inglese, puntando così ad attrarre allievi da tutto il mondo, nasce pensando alle tante aziende italiane che traggono nei prodotti della filiera agroalimentare la loro ricchezza, ma che spesso non sanno valorizzarne i processi produttivi o la comunicazione in modo adeguato. In un mercato globale sempre più competitivo ogni aspetto della produzione e della vendita deve essere organizzato secondo un progetto ben strutturato, che comprenda l'ideazione dei processi, le modalità di produzione, gli strumenti e utensili necessari, le attività di comunicazione e vendita.

Un corso insomma di primo livello che mette insieme due settori in cui l’Italia fa da punto di riferimento nel mondo: il cibo e il design. Il master, della durata di un anno, si rivolge sia ai giovani laureatiche a imprenditori o manager di aziende intenti a ristrutturarsi per crescere. Il programma prevede 580 ore di lezione e uno stage di tre mesi. Tra le materie di insegnamento: Food Science, Marketing and communication, il packaging, Design e Turismo, a cui si affiancheranno incontri e workshop con professionisti e imprenditori dei due settori, oggetto del master.

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Ad culture: portale di informazione su architettura e design non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.