Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Il Crrsu di Huarte

Quando lo studio Vaillo + Irigaray Architects ha creato il centro di raccolta dei rifiuti solidi urbani di Huarte, in Spagna, avevano in mente di creare un luogo differente da quelli che si vedono comunemente in giro. L'idea è stata quella di creare un edificio che non deturpasse il paesaggio e si mescolasse con gli altri edifici.

Il CRRSU di Huarte è stato, invece, progettato come centrale dai tratti biomorfi, in grado di accentuare la propria 'personalità': “un edificio che guarda e annusa, dotato di naso e occhi”. Le macchine al suo interno, piuttosto rumorose, hanno reso necessario rivestire l'edificio con vari strati di protezione acustica, simili alle squame di un pesce. Un rivestimento riconoscibile e dotato di una scala di riconoscibilità riconducibile, forse concettualmente, alle peculiarità del luogo e alla cultura che deve generare: una cultura ecologica e "verde".

La struttura è interamente avvolta da un patchwork formato da lastre di grandi dimensioni (2,5 mx1,5 m) in lamiera di alluminio laccato riciclabile e di spessore minimo. Il suo sistema di costruzione si basa su un processo di "ottimizzazione del materiale di rivestimento" e quindi sfrutta la deformazione propria della lamiera sottile: ne deriva un'immagine di squame "rigonfie" che fanno pensare a una sorta di rigonfiamento dovuto ai gas prodotti internamente dal processo.

Hai trovato interessante l’articolo “Il Crrsu di Huarte”?

All’interno delle pagine del portale, puoi trovare numerose news ed altri contenuti di approfondimento relativi al mondo dell’architettura, arredamento e design ed, in modo particolare, alle tematiche: Architettura.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Ad culture: portale di informazione su architettura e design non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.