Architettura e Design


 


Il dossier del Comune di Firenze sulle aree dismesse dove investire

Vari gli edifici pubblici, privati e storici di pregio da tempo in disuso

0
Pubblicato da La Redazione Ad Culture in NEWS
Il dossier del Comune di Firenze sulle aree dismesse dove investire

Il Comune di Firenze ha preparato un manuale diretto a facilitare gli investitori immobiliari. A breve verrà offerta la possibilità di riutilizzare 750mila mq di aree ed edifici dismessi, sparsi in tutta la città. Con l'approvazione del primo regolamento urbanistico, attesa entro marzo 2015, il Comune completerà la pianificazione comunale e concederà il riuso di 73 aree dismesse.

Nel dossier sono raccolte 73 schede fronte/retro, una per ciascuna area ed edificio da trasformare, in lingua inglese, con tanto di dati e indformazioni come: location, anno di costruzione dell'immobile, dimensioni e destinazione prevista, proprietà pubblica o privata, tipi di intervento ammessi per il recupero, restrizioni e vincoli. La scheda è poi completa di foto e planimetrie dell'area.

L'assessore all'Urbanistica del Comune di Firenze, Elisabetta Meucci, ha tenuto a precisare che non si tratta di annunci immobiliari ma un modo diretto per illustrare le opportunità di investimento a Firenze, una sorta, si può dire, di marketing territoriale.

Il sindaco fiorentino Dario Nardella ha già presentato il dossier all'Expo Real di Monaco e in Cina, dove si è recato per una missione.

Tra le proprietà dismesse ma di pregio spiccano: l'ex Manifattura Tabacchi, l'ex tribunale di San Firenze, a due passi da Palazzo Vecchio, raro esempio di architettura barocca in città, l'ex sede della Cassa di risparmio di Firenze in via Bufalini, l'ex convento di Monte Oliveto, una porzione dell'ex carcere delle Murate destinata a residenziale, commerciale e uffici, il palazzo cinquecentesco Vivarelli Colonna con giardino all'italiana e poi aree come l'ex Inps di via Foggini, ex Lazzi ed ex officine ferroviarie Grandi riparazioni.


Foto derivata da questa foto di Sailko (vedi licenza)
Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Ad culture: portale di informazione su architettura e design non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.

AUTORE

Ad Culture La Redazione
AD CULTURE
LA REDAZIONE

La redazione di Ad Culture si occupa di scovare le novità più interessanti, le notizie più fresche e di approfondire le tematiche più dibattute nel mondo del design e dell'architettura.






Lascia un Commento



Caratteri rimanenti:

Inserisci il codice presente nell'immagine sovrastante