Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

“Tracce di città nella memoria”. A Baronissi omaggio a Oscar Staccioli

Sarà visitabile fino a domenica 9 novembre al Museo Frac, Galleria dei Frati di Baronissi (SA) la mostra "Omaggio a Oscar Staccioli - Tracce di città nella memoria". L'iniziativa è promossa in collaborazione con la Scuola di Specializzazione in beni storico artistici dell’Università di Siena e con il Comune di Siena, Assessorato alla Cultura.

La mostra propone quasi cinquanta opere, tra dipinti e disegni, realizzate da Oscar Staccioli (Siena 1920 – Battipaglia 2002) negli ultimi tre decenni del ventesimo secolo. Un’esposizione che ha visto un suo primo allestimento nel 2011 presso il Museo Archeologico Nazionale di Paestum.

L'evento è stato curato dal direttore del Frac Massimo Bignardi e segue lo svolgersi narrativo di temi e modalità linguistiche che hanno sollecitato l’immaginario dell’artista senese, a partire proprio dalla sua città natale e da Paestum, divenute cifre di uno spazio ‘invisibile’. Percorsi, attraversamenti di luoghi della quotidianità e dell’immaginazione che Staccioli ha tradotto nei segni di arcaiche urbanizzazioni, con il linguaggio libero ed immediato dell’informale, seguendo cioè dettati emotivi suggestionati dalla prosa di Italo Calvino, dalle sue città invisibili.

"Le opere di Oscar Staccioli proposte in mostra – rileva Bignardi – offrono nuovi margini di riflessione intorno al tema della città, al significato che essa ha assunto negli anni e che l’artista senese ha esibito sia nelle prove pittoriche sia nelle manipolazioni plastiche nelle quali ha saputo trascrivere la narrazione di un viaggio sulle strade interne della memoria. Più che un viaggio nella sua Siena, nei ricordi ad essa legati, quello di Staccioli è stato un ‘camminare’ con il passo del flâneur, cioè, di chi guarda i luoghi, il paesaggio e li fa suoi rispondendo agli interrogativi dettati da motivi ‘diversi e più profondi’. Ragioni dell’esistenza che non gli hanno impedito di portare con sé il sogno del passante, di chi guarda senza memoria, scoprendo di volta in volta, strato dopo strato, la realtà e le impronte che l’hanno costruita. Così è stato anche dinanzi alle architetture, alle pietre delle strade che portavano alla spiaggia, innanzi a quanto gli scavi hanno restituito dell’antica Paestum, la grande città che i coloni greci hanno costruito sulla terraferma italica. Le sue sono  planimetrie urbane che si sovrappongono senza disperdere il filo della narrazione, del racconto di una identità, di un pensiero unitario che tiene insieme l’idea di città".

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Ad culture: portale di informazione su architettura e design non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.