Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Salone del Mobile e tutela della proprietà intellettuale

Un argomento ampliamente discusso: Al titolare di un disegno (privativa bidimensionale) o modello (privativa tridimensionale) viene riconosciuto il diritto esclusivo di utilizzo di quella determinata forma o decorazione, a condizione che il disegno o il modello siano nuovi e abbiano carattere individuale.

In sostanza il disegno o il modello non deve essere identico rispetto ad altri disegni o modelli già depositati o divulgati nel settore merceologico di riferimento, e l’impressione generale che il disegno o modello suscita nell’utilizzatore informato deve risultare diversa da quella suscitata da altri disegni o modelli del settore merceologico di riferimento.

Il titolare di un diritto di disegno o modello ha a disposizione un’ampia gamma di opzioni in ambito civile, penale o amministrativo azionabili nei confronti dei contraffattori. Queste opzioni vanno dalla possibilità di adire l’autorità giudiziaria civile al fine di ottenere anche in sede cautelare – e quindi molto velocemente – provvedimenti di sequestro o di inibitoria nei confronti dell’ulteriore produzione, commercializzazione, offerta
pubblicitaria del disegno o modello in contestazione; a misure di pubblicazione della sentenza; al risarcimento dei danni subiti; al blocco delle importazioni alle frontiere per il tramite di apposite istanze depositate presso le autorità doganali. Il tutto a livello italiano, dell’Unione Europea e nella generalità dei Paesi di interesse produttivo o commerciale.

Proteggere le Idee

Il diritto di disegno o modello si acquisisce in modo pieno con la registrazione, ma a certe condizioni è azionabile sin dalla data della domanda; in ambito Unione Europea, una forma più limitata di diritto su disegno o modello si acquisisce in via di fatto a partire dalla prima divulgazione di un prodotto che abbia le caratteristiche di novità e carattere individuale dianzi descritte. Questa è una conseguenza dell’attuazione della Direttiva Comunitaria sulla protezione dei disegni e modelli, Direttiva che ha avuto lo scopo di armonizzare le varie discipline nazionali in ciascun Paese membro dell’Unione Europea.

La medesima Direttiva ha altresì introdotto la possibilità di acquisire pieni diritti di disegno o modello, validi in tutti i 27 Paesi dell’Unione, grazie ad un solo atto amministrativo di deposito; questo diritto esclusivo di disegno o modello comunitario può essere fatto valere con una singola azione in tutto il territorio dell’Unione, con evidenti vantaggi non solo in termini di costi di deposito ma anche di maggior efficacia e minor costo di azionamento. È infine opportuno sottolineare che, ricorrendone i presupposti, la forma esteriore di un prodotto di design industriale può ricevere protezione tramite il deposito di un marchio tridimensionale, o grazie al diritto d’autore o ancora per il tramite di un modello di utilità. I disegni e modelli registrati sono beni immateriali dell’impresa che sono suscettibili di valorizzazione, di essere ceduti dietro corrispettivo, o di essere
dati in licenza anche per raggiungere mercati altrimenti non sfruttabili.

Il design industriale attribuisce infatti valore sostanziale al prodotto, rendendolo più attraente agli occhi dei consumatori, e rafforzandone in modo assai significativo le probabilità di successo sul mercato.

Acquisire un diritto esclusivo sulla forma del prodotto che ne determina il successo commerciale, ed impedirne la copia non autorizzata o la sua imitazione da parte di terzi sostiene la competitività, consente di rafforzare
la posizione dell’azienda sul mercato e permette di recuperare gli investimenti realizzati per ideare, produrre, promuovere e distribuire il prodotto. Se pertanto è oggi più che mai vera quella notissima definizione del design per cui esso è intelligenza resa visibile, proteggere la manifestazione concreta di questa intelligenza tutelando l’innovazione nella forma dei prodotti di design industriale è un elemento chiave per proteggere la competitività delle aziende del nostro settore. Ciò è confermato in pieno dai dati statistici dei depositi di disegni o modelli comunitari, che vedono costantemente al primo posto dal 2003 a oggi le domande relative a disegni e modelli del settore dell’arredamento (12,49% tra il 2003 e il 2009; 12,63% nei primi  due mesi del 2010), seguite dalla moda (9,16% tra il 2003 e il 2009; 10,52% nei primi due mesi del 2010) e dell’industria degli imballaggi (7,06% nel periodo 2003-2009; solo 6,40% – e quinto posto – nei primi due mesi del 2010).

Hai trovato interessante l’articolo “Salone del Mobile e tutela della proprietà intellettuale”?

All’interno delle pagine del portale, puoi trovare numerose news ed altri contenuti di approfondimento relativi al mondo dell’architettura, arredamento e design ed, in modo particolare, alle tematiche: Contenuti Interni.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Ad culture: portale di informazione su architettura e design non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.