Architettura e Design


 


Cala la domanda di loft in Italia

Tra i motivi principali, la categoria di accatastamento, il mutuo e l'Iva

0
Pubblicato da La Redazione Ad Culture in NEWS
Cala la domanda di loft in Italia

Dagli ultimi dati relativi all’andamento del mercato immobiliare, si evince che i loft, negli ultimi anni, non sono tanto richiesti. La domanda è scesa del 6 per cento.

C'è stato un periodo che questa tipologia di immobili, cioè gli spazi abitativi ricavati dalla riqualificazione di stabili destinati ad uso commerciale e produttivo, andava per la maggiore, essendo divenuti di tendenza. Adesso, secondo le ultime statistiche non sono tanto da preferire ripsetto alle abitazioni più tradizionali.

Questo fenomeno ha portato al calo dei prezzi dei loft in varie città italiane, al contrario di Milano dove ancora i prezzi sembrano resistere.

Sta di fatto che i loft non sono più abitazioni convenienti per chi vuol acquistare casa, perché, per prima, il tipo di accatastamento a cui sono soggetti, C3, li colloca tra gli immobili ad uso commerciale o produttivo in cui non si può prendere la residenza e, secondo motivo, non si può richiedere un mutuo come prima casa. Poi c'è la questione dell'Iva, che nell’acquisto si paga al 10 anziché al 4 per cento.


Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Ad culture: portale di informazione su architettura e design non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.

AUTORE

Ad Culture La Redazione
AD CULTURE
LA REDAZIONE

La redazione di Ad Culture si occupa di scovare le novità più interessanti, le notizie più fresche e di approfondire le tematiche più dibattute nel mondo del design e dell'architettura.






Lascia un Commento



Caratteri rimanenti:

Inserisci il codice presente nell'immagine sovrastante