Architettura e Design


 


I tavoli di Artable

Contenitori di opere d'arte

0
Pubblicato da La Redazione Ad Culture
I tavoli di Artable

Opere d'arte inserite all'interno di un tavolo, oggetto che diventa vetrina del nuovo design del team di Artable, creazioni firmate Re Mago. Una ricerca di design rivolta a un pubblico che ama le nuove espressioni artistiche concettuali, senza l'imposizione di limiti all'uso dell'oggetto, che diventa materia concettuale per l'arredamento d'interni.

Il concetto che riveste i tavoli di design è la funzione insieme ornamentale di un arredo che diventa cassa luminosa personalizzabile nei colori e nel contenuto, in base alle richieste del cliente.

Re Mago Design
Re Mago Design

Re Mago Design
Re Mago Design



I tavoli figurano come impianti che si differenziano come contenitori di opere d'arte e casse luminose per la retroilluminazione di lastre di pietra semi preziosa o traslucida, quarzo bianco o nero al posto del vetro temperato. Un specifica tecnica riguarda l'impianto di illuminazione, costituito da illuminazione a LED inserita lungo il perimetro del tavolo. Fondamentale oltre al design la caratteristica tecnica che prevede attraverso una batteria un autonomia di luce di 24 ore consecutive ricaricabile da una semplice presa di corrente.

Ogni cliente sceglie il tipo di verniciatura, che varia da opaca a lucida, il tipo di illuminazione e materiale, dal legno alla pelle, il sostegno del tavolo disponibili in acciao inox lucido o spazzolato, e infine la nota più importante cioè il contenuto artistico che intende inserire.
Una sorta di bachecha impreziosita e resa contemporanea dal concetto di utilizzo come tavolo adatto ai salotti, che offre una visione architettonica dello spazio contenuto in essa.
Così come narra la storia mitologica, secondo cui il quarto Re mago (Magio) non arrivò in tempo per la nascita di Gesù, consegnò dopo il suo pellegrinare l'unico dono che non andò perso, una pigna che Gesù trasformò in una pigna d'oro, ispirazione preziosa che determina il passaggio da una semplice forma della natura a oggetto unico, così come ricorda lo studio da cui trae il suo nome.



Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Ad culture: portale di informazione su architettura e design non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.

AUTORE

Ad Culture La Redazione
AD CULTURE
LA REDAZIONE

La redazione di Ad Culture si occupa di scovare le novità più interessanti, le notizie più fresche e di approfondire le tematiche più dibattute nel mondo del design e dell'architettura.