Architettura e Design


 


Al Salone del Mobile di Milano Tacchini presenta "Agnese" poltrona cult di Gianfranco Frattini

Una realizzazione curata nel dettaglio che omaggia il grande designer

0
Pubblicato da La Redazione Ad Culture
Al Salone del Mobile di Milano Tacchini presenta

Riscoprire il passato per essere protagonisti nel presente. Guardare indietro è spesso una prerogativa per il design e anche Tacchini ha deciso (non da ora) di dare nuova luce alle opere e i progetti dei principali maestri che hanno fatto la storia del design. Dopo Achille Castiglioni e Franco Albini, è la volta di Gianfranco Frattini, uno dei maggiori protagonisti della cultura del progetto italiana, dagli anni ’50 e ’60, fino agli inizi del 2000. Designer e architetto, allievo di Giò Ponti, esperto di lavorazioni tradizionali del legno, ma contemporaneamente sperimentatore di tecnologie innovative.

Gianfranco Frattini è stato tra i fondatori dell’ADI (Associazione per il Disegno Industriale) e collaborò con alcune delle aziende più famose del design italiano e mondiale, nel suo studio di Via Sant’Agnese a Milano. Grazie alla collaborazione fra Tacchini e Gianfranco Frattini Archivio, torna a prendere forma uno dei suoi progetti più rappresentativi: la poltrona 849, segnalata al Compasso d’Oro del 1956. Rinominata Agnese, viene mostrata da Tacchini con una fedeltà filologica all’originale ed una realizzazione accurata in ogni dettaglio: dalla rigorosa struttura in legno di frassino, con diverse finiture, all’armonioso insieme della scocca, dello schienale e dei braccioli, con cuciture di qualità sartoriale. Accompagnata da un pouf coordinato, sempre su progetto originale di Gianfranco Frattini, la poltrona Agnese vuole essere solo l’inizio di un completo progetto da parte dell'azienda di riscoperta dello stile di un grande designer ma anche di un’intera atmosfera d’arredo.

Gianfranco Frattini nasce a Padova, il 15 maggio 1926. Dopo laurea in architettura al Politecnico di Milano nel 1953, alla fine del decennio è tra i fondatori dell’ADI, Associazione per il Disegno Industriale. Frattini decide di aprire il suo studio professionale a Milano, dopo aver collaborato nell'ufficio del suo maestro e mentore Giò Ponti. Il suo ingegno lo hanno portato a diventare nel giro di pochi anni uno dei più importanti designer a livello internazionale.

La presentazione avverrà al prossimo Salone del Mobile di Milano in programma ad aprile.


Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Ad culture: portale di informazione su architettura e design non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.

AUTORE

Ad Culture La Redazione
AD CULTURE
LA REDAZIONE

La redazione di Ad Culture si occupa di scovare le novità più interessanti, le notizie più fresche e di approfondire le tematiche più dibattute nel mondo del design e dell'architettura.