Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Caprisuite di Giuliano Andrea dell’Uva

Giuliano Andrea dell'Uva è l'architetto napoletano che si è occupato di Caprisuite, una maison de charme che riserva ai propri ospiti i servizi e l'accoglienza di una suite d'albergo.

L'antica struttura, che sorge nel cuore di Anacapri, un grazioso borgo situato ai piedi del monte Solaro, è situata negli spazi un tempo annessi al convento della chiesa di San Michele. La loggia, che affaccia nella deliziosa corte interna e che un tempo collegava la chiesa di san Michele al convento, è oggi lo spazio in cui viene servita la prima colazione: il muro in pietra viva trattato a calce bianca - tecnica tipica delle architetture isolane - rivela la stratificazione della struttura nei secoli. Il contrasto è dato dagli arredi, icone del design della metà del novecento disegnati da Gio Ponti e dal giallo limone, tema cromatico della maison.
Un basso passaggio nella muratura collega la loggia al salone, il contrasto tra l'antica struttura ed il nuovo intervento è deciso, forte.

Gli originari colori a calce, nelle varie sfumature di azzurro o verde acqua, rinvenuti sotto vari strati di pitture, fanno da sfondo ai moderni arredi, creando un suggestivo contrasto stilistico. Sulla scrivania del 1958, disegnata per gli stabilimenti Olivetti di Milano, l'opera-performance del fotografo napoletano Luciano Romano, che, rappresenta un tentativo - dell'artista - di riconciliazione tra la città di Napoli ed i propri abitanti; nel salone di Caprisuite, un gioco prospettico riflette l'opera in una serie di vecchi specchi posizionati nella parete di fronte, che si trasformano, agli occhi di chi vi si specchia, in finestre aperte sul mare.

Alle spalle del divano di lino ritorna il tema cromatico del giallo, con l'opera di Gaetano Pesce posizionata su un poggio in ferro; una porta immaginaria rompe la parete ed il cromatismo forte dell'ambiente, di fronte un tavolino basso degli anni 80 disegnato da Paolo Piva ed una vecchia sedia da giardino degli anni '60.

Dal salone si accede alle due suite, una più piccola con affaccio su un giardino, era un tempo una cucina di cui si apprezza il soffitto la volta caprese colorata a calce, sul letto a baldacchino della fine dell'800, un copriletto dipinto a mano realizzato dalla storica azienda napoletana dello stilista Livio de Simone, che riprende i disegni di una collezione presentata a Moda Mare Capri nel 1972, il tessuto in lino, sempre di Livio de Simone, ritorna nel bagno attiguo, intrappolato nel vetro fungendo da rivestimento ad una parete.

L'altra suite, più grande, si affaccia sulla corte interna: un letto con baldacchino minimale con copriletto dello stesso tessuto di Livio de Simone, in diversa variante di colore.
Sfruttando lo spessore dei muri è stata ricavata una vasca in cemento dove potersi abbandonare dopo una lunga giornata di mare, o d'inverno, con il camino attiguo in ferro, acceso.
Ciò che sorprende l'ospite di questa stanza e' la grande sala da bagno ricavata nell'antico loggiato del chiostro della chiesa di San Michele: affreschi neopompeiani sono emersi dalla muratura e contrastano con la grande doccia in resina color antracite.

Hai trovato interessante l’articolo “Caprisuite di Giuliano Andrea dell’Uva”?

All’interno delle pagine del portale, puoi trovare numerose news ed altri contenuti di approfondimento relativi al mondo dell’architettura, arredamento e design ed, in modo particolare, alle tematiche: Architettura.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Ad culture: portale di informazione su architettura e design non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.