Architettura e Design


 


DINN, l'orologio che si ispira a un concerto

il designer-musicista Alessandro Zambelli accosta “La campanella” ad un complemento d’arredo

0
Pubblicato da La Redazione Ad Culture in PROGETTI
DINN, l'orologio che si ispira a un concerto

Quando un orologio da parete "suona" originale. Ispirata alla genialità del Concerto Numero 2 per violino e orchestra di Niccolò Paganini, il designer-musicista Alessandro Zambelli accosta la brillante originalità de “La campanella” ad un complemento d’arredo, creando per Diamantini & Domeniconi l’orologio “campanella” DINN, presente in anteprima a Maison & Objet (Pad. 8 now Stand A33-B34), l’appuntamento in programma dal 5 al 9 settembre nel capoluogo parigino.

Un quadrante tondo, minimale, dall’essenzialità quasi estrema - realizzato in MDF laccato, disponibile nelle varianti di colore bianco e rovere chiaro - al suo interno, la presenza "inaspettata" di una campanella in ottone - in netto contrasto con la superficie dell’orologio - spicca visivamente come dettaglio prezioso, oltre che cuore “tintinnante” dell’oggetto. Di forte impatto visivo anche le lancette dell’orologio, realizzate in alluminio color antracite, decisamente particolari per il loro funzionamento. La lancetta dei minuti si caratterizza infatti per la presenza di un martelletto finale che, allo scoccare di ogni ora, entra in contatto con il battaglio della campanella: quest’ultimo, dondolando, la fa risuonare.


Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Ad culture: portale di informazione su architettura e design non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.

AUTORE

Ad Culture La Redazione
AD CULTURE
LA REDAZIONE

La redazione di Ad Culture si occupa di scovare le novità più interessanti, le notizie più fresche e di approfondire le tematiche più dibattute nel mondo del design e dell'architettura.






Lascia un Commento



Caratteri rimanenti:

Inserisci il codice presente nell'immagine sovrastante